Recensione Linux Mint 20.2

Una recensione di Linux Mint 20.2 Uma dopo due settimane di utilizzo quotidiano. Una presentazione del progetto anche per chi non conosce affatto Linux. Poi le principali differenze da Windows, il primo impatto e gli scenari adatti, le novità dell'ultima versione e come aggiornare.

Presentazione di Linux Mint

Avvio questa recensione di Linux Mint 20.2 illustrando rapidamente il progetto anche a chi non conosce affatto Linux o magari pensa esista solo Ubuntu.

Linux Mint è un progetto avviato nel 2006 con base in Irlanda. Si tratta di un sistema operativo gratuito ed open-source basato su kernel Linux. La base effettiva di 3 su 4 delle edizioni in cui viene rilasciato, prende il nucleo open-source di installazione e funzionamento delle versioni più stabili e più a lungo aggiornate di Ubuntu. Le spoglia dell'ambiente grafico e di altre caratteristiche commerciali originarie e vi costruisce sopra un sistema operativo molto intuitivo da usare per gli utenti Windows, più di quello stesso di Ubuntu.

logo ufficiale di Linux Mint

Linux Mint è una distribuzione Linux fornita in differenti edizioni con differenti ambienti grafici noti, più uno tutto suo, Cinnamon, che prevede una serie di programmi e utilità appositamente sviluppati.

Linux Mint, dicevo, strizza particolarmente l'occhio agli utenti abituati a Windows. Offrendo una valida alternativa ad esso, con semplicità d'uso e intuitività persino superiori. Oltre ad un impatto inferiore a quello di Windows sulle caratteristiche del computer. Linux Mint è infatti una distribuzione desktop di medio o basso impatto sull'hardware.

Linux Mint Cinnamon è ideale per computer dotati di dual core, meglio se Intel di fascia non minima, e con 4 GB di RAM. Con un SSD e Linux Mint rispetto ad una versione aggiornata di Windows, davvero puoi aspettarti risultati di chiaro ringiovanimento. Se hai 2 GB di RAM, se puoi espandila, altrimenti opta per le edizioni MATE o meglio Xfce di Linux Mint.

Linux Mint è un sistema operativo perfetto per rimpiazzare Windows nei computer in cui, con il sistema Microsoft, cominciano i segni di rallentamento. In un portatile, meglio se con piattaforma Intel e anche NVIDIA, puoi infatti aspettarti che la batteria duri il doppio rispetto a Windows 10, a parità di cose che ci fai e l'ho documentato con molteplici prove a distanza di un anno.

Ricorda che a partire dalla versione 20 di Linux Mint, non viene più fornita compatibilità con computer basati su architetture a 32-bit. In questo caso consiglio una edizione 19.3 Tricia che sarà aggiornata ancora fino a metà del 2022.

tema scuro attivo in Linux Mint

L'ambiente grafico dell'ammiraglia edizione Cinnamon deve piacere, ma non "ingombra".

Impiega circa 30 MB di memoria RAM e meno di altri 20 per tenere in memoria le applet raggiungibili dalle piccole icone sul lato destro della barra chiamata Pannello.

È personalizzabile in un discreto ventaglio di colori, combinazioni gradevoli e con temi scuri tra le tonalità più rilassanti per la vista dopo ore al computer.

Il sistema completo appena caricato, all'avvio, può impegnare anche meno di 1 GB di RAM prima di cominciare con le attività. Ma ovvio, se ci vuoi fare editing video come me, pensa di averne almeno 8 o 16.

Fissa dei responsabili del progetto è la privacy dei suoi utenti. Che non sono mai tracciati in alcuna delle attività che compiono e che troveranno motori di ricerca rispettosi della privacy nella configurazione iniziale del browser Firefox con cui Mint è rilasciato. E si tratta di motori di ricerca che vivono di pubblicità si, ma senza tracciare le tue attività con la scusa di mostrare pubblicità più in linea con i tuoi gusti.

In cambio Linux Mint riceve corrispettivi per il traffico generato dai motori preimpostati in Firefox. E si sostenta di questo, di donazioni e sponsor. E per il massimo della privacy puoi anche disattivare la cronologia di file e cartelle aperti di recente.

Scaricamento e preparazione supporto di installazione

Puoi scaricare gratuitamente una delle edizioni di Linux Mint partendo dal sito ufficiale. Come anticipato, è stata appena rilasciata la versione finale di Linux Mint 20.2, nome in codice Uma. Vi sono differenti edizioni, contraddistinte da differenze minime in quanto ad utilizzo, ma progressivamente più parsimoniose in termini di potenza richiesta. Il team ordina e descrive così le tre edizioni:

  • Linux Mint 20.2 Cinnamon Edition: elegante, moderna, innovativa
  • Linux Mint 20.2 MATE Edition: stabile, robusta, tradizionale
  • Linux Mint 20.2 Xfce Edition: leggera, semplice, efficiente

Se vuoi approfondire oltre questa recensione di Linux Mint 20.2, ho pubblicato quelle di Mint 20 e Mint 20.1. Ho inoltre pubblicato un articolo ed un video YouTube, sulle differenze tra le edizioni di Linux Mint. Diciamo che puoi aspettarti alcuni programmi o gestione di impostazioni lievemente differenti e non omogenee tra le edizioni. Nel dubbio, con almeno 4 GB di RAM, ti consiglio di scaricare l'edizione Cinnamon: quella più caratteristica e considerata l'ammiraglia.

Nel sito ufficiale, alla pagina download, trovi una lista di server da cui scaricare il file di circa 2 GB che serve ad installarlo (in tutte le lingue) ma anche a provarlo interamente senza toccare l'hard-disk in cui sia già presente altro sistema operativo. Assicurati di scegliere un server italiano o di un paese vicino per maggiore velocità di download. O meglio ancora, se usi torrent, puoi scaricarlo tramite P2P alla velocità massima della tua connessione.

Devi poi preparare adeguatamente il supporto USB. Ed è molto più facile prepararlo se hai già Linux Mint perché se nel file manager clicchi con il pulsante destro su una immagine .ISO, appare l'opzione Crea penna USB avviabile. Selezionato il supporto esterno di destinazione, in un paio di minuti hai pronta una chiavetta avviabile sia su sistemi basati su BIOS che UEFI.
Oppure, puoi provvedere con apposite utilità Windows come Balena Etcher, Rufus o con progetti più avanzati come Ventoy e Sardu.

L'avvio della versione chiamata Live del sistema operativo, consente di adoperare, temporaneamente (in inglese), il desktop e tutti i programmi che accompagnano l'installazione base, caricando lo stretto indispensabile nella memoria RAM del PC ospite. Senza comprometterne installazioni, e potendo verificare che tutte le componenti del computer funzionino. Prima ancora di decidere se installarlo stabilmente o meno dall'icona posizionata sul desktop per così dire "temporaneo". Ma ovviamente, benché la modalità Live sia in inglese, puoi installare Linux Mint in italiano dallo stesso file. E consiglio vivamente di installare con la connessione ad internet avvenuta per scaricare tutti i pacchetti necessari anche per la lingua italiana.

Ho scritto un tutorial e fatto un video sul tema di come procurarsi Mint e preparare un supporto di installazione. Un altro tutorial e video su come verificare la compatibilità prima di installare. Ma ho anche già pubblicato contenuti anche per l'installazione e configurazioni aggiuntive di Linux Mint.

Installazione di Linux Mint 20.2

Proseguo questa recensione di Linux Mint 20.2, passando dalle modalità per procurarsi il sistema operativo e preparare un supporto USB, ad una rapida illustrazione dell'utilità di installazione. Questo non è un tutorial sull'installazione ma una recensione generale di Linux Mint. Trovi il tutorial nel blog e il video nel canale.

Se decidi di installare Linux Mint 20.2 ed il supporto è preparato adeguatamente e avviato in modo corretto, l'utilità di installazione sarà in grado di rilevare se nel computer è già presente qualche altro sistema operativo e proporti la scelta se soppiantarlo o affiancarlo. E in tal caso consente di suddividere l'hard-disk adottando di conseguenza gli accorgimenti necessari.

allocazione spazio per installazione Linux Mint

Vista la particolare attenzione al ricorso a software open-source, non protetto e/o di proprietà di qualcuno, puoi decidere solo eventualmente se installare componenti per abilitare la riproduzione di certi file multimediali. In formati diffusi come MP3, DivX ed altri che, pur gratuiti, sono "proprietari" e protetti. E con la stessa opzione per scaricare altri software di terze parti, ci sono i driver specifici per schede grafiche Nvidia.

Se applichi il driver NVIDIA, puoi anche sfruttare abbastanza bene l'accelerazione hardware sia per gaming che l'editing video.

In fase di installazione puoi anche cifrare il contenuto della cartella /home dell'utente principale anche se lo farei sempre con cautela e solo su hard-disk interno.

Se hai un SSD, puoi aspettarti di completare l'installazione in 10 minuti ed impiegarne altrettanti per scaricare gli aggiornamenti fino a quel momento. Configura aggiornamenti, applica driver, pianifica se vuoi punti di ripristino del sistema come suggerito dal benvenuto o approfondisci anche nel blog, poi sei già pronto per fare di tutto.

Perché è integrata nell'installazione la suite LibreOffice. Ci sono programmi di visualizzazione, organizzazione e ritocco di foto, per PDF, per la musica, un client Torrent. Ed ovviamente un browser (Firefox) ed un programma di posta elettronica (Thunderbird).

E nel centro software open-source, poi, hai accesso a decine di migliaia di pacchetti e programmi per ogni tipo di esigenza. E se non direttamente dal suo Gestore Applicazioni, forse è installabile in altro modo.

Nel blog e nel canale YouTube di alternativalinux ci sono già tanti contenuti sull'installazione, sulla configurazione iniziale di Linux Mint e tanti accorgimenti per sfruttarlo a meglio.

Come si presenta Linux Mint 20.2

Al primo riavvio, dopo il completamento dell'installazione di Linux Mint 20.2 Uma, una schermata di benvenuto ti accoglie e ti guida alle prime impostazioni consigliate per la configurazione, personalizzazione, e scoperta del nuovo sistema operativo. Puoi scegliere un tema chiaro e scuro in molte variazioni di colore o adottare uno stile del desktop più simile a Xp o alle versioni più recenti di Windows.

Schermata di benvenuto di Linux Mint 20

La schermata di benvenuto può essere riaperta quando vuoi, anche se vorrai disattivarne la comparsa ad ogni avvio.

Puoi configurare i server ufficiali per gli aggiornamenti più veloci rispetto a te ed applicarli. Impostando eventualmente, cosa saggia, che vengano applicati appena disponibili, per maggiore sicurezza e stabilità.

E gli aggiornamenti arrivano anche più volte al giorno. Ma sono anche minuscoli, discreti e non interrompono mai né rallentano ciò che stai facendo. Solo quando l'aggiornamento riguarda il kernel, il cuore di tutte le varianti di Linux, puoi essere avvertito che le modifiche saranno applicate solo al successivo riavvio.

Similitudini con il desktop di Windows

il menu di Linux Mint 19.3 Cinnamon

Se sei abituato a Windows, tutto è esattamente come ti aspetti e funziona come prevedi.

Un menu start fornisce accesso a tutti i programmi installati (per impostazione predefinita e successivamente) secondo una struttura prestabilita ma modificabile a piacimento. E nel menu si trovano i collegamenti per aprire anche le singole impostazioni di configurazione (salvaschermo, bluetooth, audio, rete, stampanti,...).

Se apri il menu e cominci a digitare il nome di un programma, una impostazione o un file aperto di recente, non hai neppure bisogno di sfogliare per poterlo aprire in un istante.

Accanto al pulsante "Start" trovi le icone dei programmi di uso più frequente e di quelli aperti. Nel menu c'è una colonna in cui puoi sistemare le icone dei programmi o impostazioni di utilizzo più frequente. E puoi alzare il menu quanto vuoi per fare spazio.

Sul lato destro del pannello (la barra) trovi le icone delle Applet che richiamano funzioni come la gestione di connessioni di rete, audio, stampanti, bluetooth, stato di aggiornamento. E sono solo un assaggio selettivo delle ulteriori applet che sono preinstallate ma disattivate. E a numerose altre, testate, che puoi scaricare dal sito ufficiale delle Spezie di Linux Mint.

Sei mediamente smaliziato e, per chiudere una finestra, ti viene istintivo Alt + F4? Prevedibilmente la finestra in primo piano si chiude. Oppure aprire una finestra del file manager con Win + E? Si apre il file manager nella cartella Home. Vuoi passare da una finestra aperta ad un'altra? Alt+TAB fa esattamente ciò che ti aspetti. Vuoi cambiare sfondo? Prevedibilmente con un clic del pulsante destro sulla "Scrivania" si apre un menu che ti consente di accedere alle relative impostazioni e non solo. Vuoi chiudere la sessione o cambiare utente? Prevedibilmente con CTRL + Alt + Canc si apre il relativo menu.

Quando accedi al pannello in cui sono raccolte tutte le impostazioni, clicchi e puoi aspettarti, per ciascuna, una finestra suddivisa in poche schede e descrizioni rapide e semplicissime sull'effetto di ogni interruttore o parametro. Una pacchia di semplicità, efficienza e completezza senza fronzoli. E una volta che scopri con ad ognuna puoi accedere direttamente digitando nel menu la specifica impostazione, l'intervento è immediato. Dai un'occhiata al mio Manuale d'uso di Linux Mint per scoprirne altre caratteristiche o per sapere di poterci contare 🙂

impostazioni di sistema di Linux Mint

Per le stampanti, se sei nella maggioranza dei fortunati, ti basterà collegarla perché questa sia rapidamente riconosciuta e posta in grado di stampare. Per gli scanner anche integrati a multifunzione di stampa, serve un accorgimento in più per avere anche rapido accesso a possibilità notevoli di scansione. Ci sono programmi open-source come gImagereader, gscan2pdf, tesseract-ocr che eliminano le macchie automatiche e riconoscono testo da estrarre con la tecnica dell'OCR. Ne ho descritto le modalità nel tutorial e nel video sull'argomento.

Da citare in una recensione di Linux Mint 20.2, un'altra caratteristica specifica dell'edizione Cinnamon come le applet: i desklet. Che equivalgono a quelli che erano chiamati widget tanti anni fa in ambiente Windows. E che consentono di mostrare ora, il proprio calendario, il meteo, feed rss, monitorare in tempo reale il sistema e tante altre funzioni.

scrica Time and Date Desklet in Linux Mint

Le decine di migliaia di programmi testati sono riuniti in un centro software da cui si accede con una modalità grafica che niente a che vedere con i miti di essere un sistema riservato agli esperti. Accedi ad un catalogo molto ampio e ben suddiviso di tutte applicazioni open-source, gratuite e testate appositamente grazie alla compatibilità con il catalogo di programmi di Ubuntu di cui può così sfruttare la compatibilità.

Gestore Applicazioni in Linux Mint

Ma tale catalogo non esaurisce le possibilità di installare anche programmi non presenti e anche a pagamento per l'ambiente Linux. La piattaforma Wine inoltre consente di integrare l'installazione di software specifici per Windows come Office o taluni prodotti Adobe. Anche se non sono un fan di queste soluzioni e personalmente non porterei rischi di sicurezza di Windows nell'ecosistema Linux. Lasciare una partizione Windows e non chiedere a Linux di essere lo stesso che Windows, si rivela una scelta azzeccata.

Le novità di Linux Mint 20.2

Linux Mint 20 "Ulyana" è distribuita da giugno 2020, seguita da aggiornamento minore a gennaio 2021 e dal secondo l'8 luglio. Si tratta delle versioni 20.1 "Ulyssa" e 20.2 "Uma".

Fin dall'uscita della versione 20, il team di Linux Mint non ha lavorato che al miglioramento di tale versione e lavorerà ancora fino a tutto il 2022 solo su questo. La base di fonti software è quella di Ubuntu e dei programmi con esso compatibili, più una specifica di Linux Mint. E il kernel è nella versione 5.4.x.

Dalla versione 20 ad oggi, a Linux Mint e nello specifico all'edizione Cinnamon, sono state apportate notevoli migliorie prestazionali al desktop che è stato interamente riscritto in linguaggio JavaScript. Il file manager è più rapido con i file multimediali e relative anteprime e consente, da Mint 20.2, di effettuare ricerche testuali nei contenuti e non solo nel nome dei file, anche con espressioni regolari, attraverso il file manager Nemo. Il quale guadagna anche proprietà di gestione di rinomina seriale di file. Con uno strumento, Bulky, che può essere eseguito anche come applicazione a sé. E anche l'edizione MATE di Linux Mint vedrà questa novità nel file manager. Non è invece necessaria per Thunar, il file manager dell'edizione Xfce di Linux Mint, che già lo prevedeva.

Linux Mint 20 e successivi aggiornamenti prevedono la presenza di Hypnotix: un software per la visione di decine di migliaia di canali IPTV in chiaro e, volendo, a pagamento. C'è poi il sistema di scambio rapido di file da postazioni diverse purché connesse allo stesso router e compatibile con omonima applicazione per Android e cioè Warpinator. E una gestione semplificata da desktop per l'accesso a file e cartelle Preferiti. Oltre ad un utilità per eseguire specifici siti web di uso continuo, come applicazioni specifiche dotate di finestra e icona. Si tratta di Applicazioni web.

Dalla versione 20.2 Uma, Linux Mint prevede una differente gestione degli aggiornamenti per l'edizione Cinnamon. Il gestore degli aggiornamenti adesso mostrerà anche aggiornamenti di temi, desklet, applet e altre "spezie" come sono chiamate le personalizzazioni del desktop dell'ambiente grafico Cinnamon, realizzato dal team di Linux Mint ma adottato anche in altre distribuzioni Linux.

Gestore aggiornamenti di linux Mint 20.2 Uma

Un'altra novità riguarda un meccanismo per sollecitare di applicare aggiornamenti di sistema e sicurezza in alcune condizioni di utilizzo, senza però tracciare le attività dell'utente o rischiare diventare troppo invadente. Come si fa a non avere simpatia per tanto riguardo alla privacy!? "Il tuo computer è tuo, non nostro" - ha detto di recente il fondatore e responsabile del progetto Linux Mint, Clement Lefebvre.

notifiche aggiornamenti Linux Mint 20.2

E così, tra le opzioni di automazione degli aggiornamenti, puoi scegliere se lasciarti mostrare notifiche solo per aggiornamenti di sicurezza e del kernel ed altre opzioni, con valori preimpostati ma modificabili. Oppure per pianificare il comportamento da adottare in base all'uso e alla data di rilascio dell'aggiornamento.

azioni automatiche aggiornamenti Linux Mint 20.2 Uma

Il Gestore Aggiornamenti ora consente anche opzioni di automazione per l'aggiornamento di flatpaks, programmi installati in versione come "congelata" e accompagnata da qualunque file necessario al funzionamento. Questa opzione precedentemente a Linux Mint 20.2 si trovava sotto Applicazioni d'avvio.

Altra novità di Linux Mint 20.2, l'ho già citata, riguarda una nuova funzione del file manager, ma raggiungibile anche tramite apposita App dal Menu. Si chiama Bulky ed è uno strumento per la rinomina in serie di file. Basta selezionare file multipli nel file manager per accedere all'opzione di Rinomina dal menu contestuale che si apre con il pulsante destro del mouse.

bulky Linux Mint 20.2: rinomina file in serie

L'applicazione predefinita per prendere note sul desktop è stata sostituita rispetto a GNote è ora Sticky Notes. In aggiunta alle funzioni che erano disponibili in GNote, Sticky consente anche di posizionare singole note sul desktop e di gestire tramite apposita applet, nella parte destra della barra chiamata Pannello.

sticky notes in Linux Mint 20.2

Con l'edizione 5.0 di Cinnamon, come accennato, il file manager Nemo, guadagna la funzione che consente ricerche di termini presenti nei testi all'interno di file (testuali) e non solo nel nome. Ed è possibile ricorrere ad espressioni regolari: formule anche complesse che consentono una ricerca molto mirata di dati. Si tratta un po' di una integrazione di talune funzioni del comando grep in versione grafica.

ricerca nel conmtenuto dei file in Linux Mint 20.2 e Cinnamon 5

Nelle preferenze del file manager inoltre, una nuova opzione consente di ordinare i preferiti prima di altri file.

Circa performance e utilizzo di risorse, il tema di Mint annuncia che 5 problemi di memoria sono stati risolti in Cinnamon 5 ed è stato implementato un nuovo monitor per individuare e gestire casi in cui il desktop richiede troppa memoria. Ricorrendo alle impostazioni di sistema adesso puoi limitare il massimo quantitativo di memoria RAM per l'ambiente desktop. Oltrepassato il quale Cinnamon verrà riavviato istantaneamente senza perdere nulla delle attività che si stavano compiendo. Si noterà solo un riposizionamento della freccia del mouse al centro dello schermo.

Impostazioni di memoria del desktop Cinnamon in Mint 20.2

Anche il riconoscimento e conseguente adattamento a cambiamenti relativi all'alimentazione è stato migliorato.

Aggiornare da 20 e 20.1

Gli utenti di Linux Mint 20 e 20.1 avranno trovato, a partire dall'8 luglio, un aggiornamento al Gestore Aggiornamenti stesso. Che preclude alla scoperta, nel menu sotto la voce Modifica, dell'opzione Aggiornamento a Linux Mint 20.2 disponibile.

"Dario, io uso già Linux Mint, mi conviene aggiornare?"
In linea di principio direi che sia sempre conveniente procedere ad aggiornamenti minori di versione come i passaggi da Mint 20 a 20.1 o 20.2. La base del sistema è la stessa e sono aggiunte solo migliorie. Qualche cautela la adopererei casomai per passare al primo rilascio di una versione completamente nuova, con kernel e basi software differenti. Perché qualche problemino, nell'immediato potresti incontrarlo e potresti attenderne il rilascio di una versione minore .1. o successiva.

La procedura di aggiornamento a Linux Mint 20.2 è simile a quella già adottata per l'aggiornamento a Linux Mint 20.1. Dopo aver illustrato, in alcuni passi, l'opportunità di effettuare uno snapshot, cioè un punto di ripristino del sistema, di verificare le note di rilascio per scongiurare di andare in contro a nuovi problemi legati al proprio hardware, alcuni cicli di scaricamento dati e installazione richiedono al massimo 10 minuti per il completamento e per poter riavviare il sistema con la nuova versione.

Si ritroveranno programmi e impostazioni precedenti senza soluzioni di continuità. Solo alcuni file di configurazione vengono sovrascritti. Io ho dovuto reinserire i DNS di Google nelle impostazioni della scheda di rete e ho ritrovato gli archivi software resettati con la necessità di reimpostare quelli locali più vicini senza alcuna altra anomalia.

Perché scegliere Linux Mint e perché no

Una seria recensione di Linux Mint 20.2 deve anzitutto indicarti per quali scenari è da valutare e in quali altri puoi preferire altro. Io non so per cosa possa interessarti eventualmente Linux Mint. Potrebbe essere per te, anche per il computer principale, per provarlo affiancandolo a Windows. Oppure per dare qualche anno in più ad un portatile ormai inadeguato a Windows. O ancora se ti interessa per rimettere in sesto il computer di qualche parente o amico, da risistemare una volta ogni 5 anni, con già tutto o quasi ciò che serve a fine installazione, che si aggiorna da solo e in cui puoi installare anche programmi per fornire assistenza remota se vuoi.

Se non conosci distrowatch, si tratta di un autorevole sito dotato di un super database aggiornatissimo delle possibili variazioni di sistemi operativi basati su kernel Linux. Ed è noto per pubblicare una classifica delle schede delle singole distribuzioni più consultate. Se tiri fuori i dati per anno, scoprirai che la scheda di Linux Mint è stata ininterrottamente la più vista per anni. Strappando il titolo a Ubuntu dalla cui base si distacca per scelte divergenti con le maggiori implicazioni su politiche commerciali della società Canonical che fa capo a Ubuntu.

In un computer con almeno 4 GB, nel passare da una edizione aggiornata di Windows a Linux Mint, sembra di liberare il computer da tanta zavorra!

Il desktop di Linux Mint 20 Ulyana Cinnamon

Linux Mint è un progetto aggiornato, affidabile e in ottima salute. Spesso considerato l'approccio più conveniente da Windows a Linux anche su stampa ed editoria internazionale. E gli aggiornamenti, gratuiti come il sistema operativo, sono garantiti per 5 anni dal rilascio. E prima di tale scadenza sarai comunque stato invitato ad aggiornare ad una versione più recente del sistema.

Io credo di essermi mostrato sportivo nel post e nel video recente in cui consiglio 8 tra le mie preferite versioni di Linux adatte a chi vuole lasciare Microsoft e/o Google. E nonostante questa recensione di Linux Mint 20.2 sia naturalmente più estesa di altre, non resterà l'unica recensione di distribuzioni Linux che curerò.

Linux Mint è un esempio di distribuzione pronta all’uso e coniuga una ricca dotazione di software open-source preinstallato, con la disponibilità di driver e programmi di terze parti. Queste garantiscono un utilizzo immediato di schede grafiche e la riproduzione di file multimediali di ogni genere. Sono inoltre integrati i driver proprietari per il supporto nativo di stampanti hp e un programma per effettuare scansioni.

Uno dei maggiori punti di forza di Linux Mint è la sua comunità: molto attivagenerosa. Spesso interpellata e molto ascoltata dai responsabili del progetto, che assecondano richieste di miglioramenti e nuove funzioni.

Le ragioni per scegliere Linux Mint, sono la sua diffusione, la quantità di documentazione presente in rete e la grande disponibilità dei suoi utenti a rispondere a domande e risolvere problemi nell'attivissimo forum, di cui esiste una sezione anche in lingua italiana.
Chi padroneggi l’inglese potrà con certezza trovare soluzione per qualunque esigenza già con una ricerca web.

Linux Mint Cinnamon è il mio sistema operativo da circa 5 anni e mi ha consentito di soddisfare qualunque esigenza per lavoro (sviluppo di applicazioni, siti web, grafica e multimedialità) con il solo ricorso ad applicazioni open-source. Non uso più Windows da anni. E se gli ho dedicato un blog, già aggiornato a Linux Mint 20.2 nei contenuti e poi un canale Youtube dedicato anche a Linux in generale, è perché è ovvio che io lo consideri un progetto affidabile. E sto per pubblicare un libro sulla scoperta, installazione, configurazione e uso di Linux Mint. E di cui non mancherò di informare chi mi segue non appena possibile.

Linux Mint è perfetto per installazioni durature e stabilità. Se vuoi desktop più complesso o hai hardware molto potente e recente, e se vuoi i programmi linux nelle versioni più aggiornate, meno. In questo caso devi rinunciare a 5 anni di tempo di aggiornamenti e supporto dopo il rilascio. E optare casomai per distribuzioni come le versioni intermedie di Ubuntu e sue derivate. Che ti costringono a cambiare versione dopo meno di un anno, ma con maggiori possibilità di far funzionare hardware più recente, perché hanno un kernel più recente e ciò potrebbe consentire di sfruttare meglio i PC performanti e la possibilità di usare i medesimi programmi in versioni più recenti.

Riepilogo dei riferimenti

"Dario, si vede che sei di parte e privilegi Linux Mint ad altre distribuzioni Linux!" È verissimo e non ne faccio mistero. Non credo di avere obblighi di par condicio peraltro. Linux Mint, non Ubuntu, Kubuntu o altri, è il mio sistema operativo da quando l'ho scoperto. Non c'è classifica sulle varianti Linux per principianti che non metta Mint, in testa o quasi. Ed ho la missione di incoraggiare l'abbandono possibile di Windows per non aver niente a che fare con i colossi dei dati personali. E, anche io, e non sono solo, credo che Linux Mint sia il modo migliore per fare il salto. Senza mica necessariamente fermarsi stabilmente come ho fatto io. Ma di fronte ad un orizzonte di alternative possibili da cui separano solo la curiosità, voglia di scoprire e gusti personali!

Come accennato, una ragione in più per provare Linux Mint, è quella di avere a disposizione un sacco di risorse gratuite, in questo blog e nel canale YouTube per imparare a farci di più.

  • La pagina principale del canale YouTube: youtube.com/c/alternativalinux
    Trovi i video pubblicati da un anno, suddivisi per playlist o consultabili cronologicamente
  • la homepage del blog: alternativalinux.it
    I contenuti sono ordinati in ordine cronologico ma la Guida a Linux Mint, un percorso di tutorial nel blog e video YouTube, incorporati anche nelle pagine web, alla scoperta, installazione e configurazione di Linux Mint e il Manuale d'uso di Linux Mint meritano un'occhiata.

Diffondi la conoscenza!

5 commenti su “Recensione Linux Mint 20.2”

  1. Come sempre recensione impeccabile, io non ho resistito e appena è comparsa l’icona ho aggiornato, veloce e senza intoppi, dopo una vita con windows (da 3.11 con sotto DOS) in avanti continuo a meravigliarmi della stabilità e facilità d’uso di Linux Mint. Grazie per la recensione.

    Rispondi
    • Non ho verificato la guida ma hai ragione. Nella guida all’installazione suggerisco di disattivare secure boot ma non è indispensabile proprio perché puoi autorizzare la chiave per il c.d. shim64 che consente l’avvio

      Rispondi
  2. Mi sarebbe piaciuto provare Linux ma dopo diverse prove sul mio PC ho rinunciato,
    1 non è facile l’installazione i nomi dei dischi non sono quelli classici ma con sigle strane per chi ha usato sempre Windows
    2 desideravo usarlo in duoaboot con Win 10 ma con EasyBCD si è bloccato il PC è ho visto i topi verdi per riattivare il tutto
    Secondo me fiche i sistemi Linux non superano questi problemi di installazione Linux restera’ solo per una cerchia ristretta.

    Rispondi

Lascia un commento